Le Notti dell’Archeologia – 2018

Ricchissimo programma per “Le Notti dell’Archeologia” al MusArcMontelupo, si inizia venerdì 6 luglio e l’ultimo appuntamento ci sarà il 27. Conferenze, discussioni collettive, osservazioni del cielo presso la Villa Romana del Vergigno e un concerto jazz, sono in estrema sintesi gli ingredienti della manifestazione. Ecco il calendario completo:

 

6 Luglio venerdì ore 21.15 Presentazione degli Atti del Convegno “L’Arno come fonte di vita e distruzione” Villa dell’Oratorio – Limite sull’Arno 11 febbraio 2017 (edito da Ibiskos servizi editoriali), a cura del curatore Dott. Edoardo Antonini, storico e giornalista.

Il convegno ha affrontato, oltre al rapporto dell’Arno con la comunità di Capraia e Limite e il territorio circostante, anche i temi relativi alla relazione tra il fiume  e due dei più importanti ritrovamenti archeologici del territorio: l’insediamento etrusco di Montereggi e la villa tardo antica in loc. Oratorio. Di quest’ultima sarà presentato alla conclusione della presente rassegna il volume recentemente edito sui risultati di scavo

Sono stati invitati ad intervenire i due direttori dott. Fausto Berti e il Prof. Federico Cantini.

 

13 Luglio venerdì ore 21.15 Presentazione della recente pubblicazione “I Mannelli di Firenze. Storia, mecenatismo e identità di una famiglia fra cultura mercantile e cultura cortigiana”, Firenze 2017, a cura dell’autore Dott. Pasquale Focarile.

La storia dei Mannelli nteressa particolarmente il territorio di Montelupo Fiorentino poiché la loro villa atavica è localizzata proprio in località Fibbiana.

 

19 Luglio giovedì ore 21,30 Serata di osservazione astronomica al parco archeologico della Villa Romana  del Vergigno.

In occasione della riapertura degli scavi archeologici presso la villa romana del Vergigno, la Cooperativa Ichnos e il Gruppo Astrofili di Montelupo Fiorentino vi aspettano per  osservare con il telescopio il cielo d’estate e visitare gli scavi archeologici.

 

20 Luglio venerdì ore 21.15 Concerto con Stazioni Sonore: Claudia Tellini, Voce – Nicola Vernuccio, contrabbasso. Nicola Vernuccio e Claudia Tellini collaborano da sette anni,  un progetto che parte da una ricerca sul repertorio che somiglia a una lunga, delicata, difficile tessitura di frammenti: operetta, musical, standards del jazz di sempre, gioielli delle tradizioni africane e mediterranee, musica spirituale, equilibri timbrici tutt’altro che scontati, mestieri eccelsi e antichi, l’improvvisazione e il canto, praticati con la semplicità del vero e la leggerezza degli artisti veri.

 

27 Luglio venerdì ore 21.15  “L’Arno come asse dello sviluppo toscano: la sua navigazione leggendone la profondità della storia”: è sempre più evidente, a maggior ragione per i musei in stretta relazione con il fiume, la necessità di  promuoverne e coordinarne uno studio organico e diacronico. Dialogo sul tema. Coordina il Dott. Marzio Cresci.
Precedente Amico Museo 2018 "Tenera come colomba" Successivo In arrivo il CAMPUS di settembre!